I prossimi eventi
28 luglio 2012: Carlo Sartori a Palazzo Assessorile PDF Stampa E-mail

Interessante la visita guidata da Giulia Stringari alla mostra "Carlo Sartori, il pittore della nostra terra" che si tiene presso il Palazzo Assessorile di Cles. Il titolo inquadra perfettamente i temi e il particolare stile che l'artista ha ricercato con tenecia, mantenendolo fino alla sua ultima opera. Temi sociali, religiosi e tradizionali si presentano attorno a quel "centro pittorico" che cattura immediatamente l'occhio di fronte alle sue opere e ai singolari colori.

Ultimo aggiornamento Lunedì 10 Settembre 2012 19:53
 
24 luglio 2012: Caffé e poesia PDF Stampa E-mail

Veramente ben riuscita la serata organizzata per tutti gli estimatori del buon caffé e dei buoni versi. La degustazione, offerta dalla ditta Zadra distribuzione bevande insieme al caffé Bontadi di Rovereto e al Panificio C6 ha offerto assaggi di caffé e dolci di qualità veramente eccellente. Abbiamo ascoltato inoltre aneddoti e poesie che i Cantori d'Anaunia hanno proposto in un contesto che ha fatto dell'informalità la sua cifra essenziale con il sottofondo musicale di Iris Pancheri e Rosanna Vit. Aziende e associazioni di volontariato culturale unite per offrire alla cittadinanza un momento piacevole e un caffé magari servito, come è accaduto, dai molti amministratori comunali presenti in sala.

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Luglio 2012 21:45
 
22 giugno 2012: San Vigilio, la chiesa più antica di Cles? PDF Stampa E-mail

D'obbligo l'interrogativo sul fatto se la bellissima chiesa di San Vigilio sia o meno la più antica di Cles. Certo è che questo vuole la tradizione, come ha affermato l'assessore Roberto Luchini a conclusione di una serata nella quale l'Arch. Irene Franciosi ci ha introdotto nelle tecniche utilizzate per il restauro della chiesa e l'Arch. Ruggero Mucchi ci ha fatto rivivere le fasi del restauro da lui curato assieme all'Ing. Antonio Wegher. E proprio la nutritissima e dettagliata documentazione fotograficha che l'Arch. Mucchi ha commentato è stato il pezzo forte dell'incontro, e ha permesso ai molti presenti di percorrere dall'inizio alla fine le fasi del restauro, i dubbi sul come procedere in alcuni casi, le scoperte inattese in altri. Certo è che dalle numerosissime stratificazioni archeologiche sono emersi elementi d'arte e di fede di un luogo intriso allora come oggi dalle preghiere dei clesiani, come sottolineato da don Gabriele Bernardi. Intermezzi musicali di Ilaria Dacroce e Tania Guarnieri della Scuola musicale di Cles. La sala Borghesi-Bertolla, con la sua struttura e le dotazioni che mette a disposizione si conferma inoltre luogo ideale per serate di questo genere. Presenti il sindaco Maria Pia Flaim, i componenti del Gruppo San Vigilio-Pez e le ditte che hanno lavorato al restauro.

Ultimo aggiornamento Domenica 24 Giugno 2012 14:17
 
17 maggio 2012: molte lingue per una sola poesia PDF Stampa E-mail

Non solo i versi ma anche la materia della quale sono costituiti, ovvero la lingua, sono stati i protagonisti della serata che aveva come ospite Fabrizio Da Trieste. Sotto la guida attenta e preparata di Massimiliano Debiasi, la serata si è snodata su un percorso lungo il quale erano stati sapientemente disseminati elementi diversi e interessanti: le poesie e le note linguistiche di Da Trieste, le letture di Alda Merini, le canzoni della Coralità Clesiana, che ha creato una atmosfera ideale e ci ha regalato l'anteprima di una canzone Carlo Piz che ha fatto pensare, olte che sorridere. Complimenti a tutto il coro e al direttore Tullio Lorenzoni. Un particolare ringraziamento va a lla professoressa Costanza Chini per aver ancora una volta prestato la sua voce per le letture poetiche.

Ultimo aggiornamento Sabato 23 Giugno 2012 11:27
 
12 maggio 2012: il Santo crocifisso al Faé PDF Stampa E-mail

Nell'ambito della  manifestazione"Palazzi aperti 2012" il Comune di Cles ha propsto la visitida guidata alla chiesa di Dres e la passeggiata al Santo Crocifisso del Faé, chiesetta meglio conosciuta col nome di "sant del chjatar". Come Pro Cultura abbiamo proposto la storia di questa particolare cappella dalla pianta ottagonale. Racchiude l'affresco di un crocifisso dal caratteristico braccio annerito, nel quale la tradizione vede il sanguinamento miracoloso in seguito a un colpo di pistola ricevuto da uno sgherro della famiglia del castello di Altaguardia, poi convertitosi. Come associazione culturale auspichiamo che questo interessante luogo possa essere al più presto restaurato e conservato con cura.

.
Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Maggio 2012 20:49
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 12
Joomla School Templates by Joomlashack